Giuliano il povero

By James Davis

Per i primi sei mesi della mia vita ho vissuto nella città di St Julian’s intitolata al suo santo patrono; San Giuliano. Era conosciuto come Julian l’Ospitaliere e anche come Julian il Povero e divenne il santo patrono dei cacciatori che si riversano in questa parte dell’isola ogni ultima domenica di agosto per la festa annuale dell’estate per sparare a salve in suo onore. Si pensa che St. Julian sia stato accolto dal Belgio (Le Mans in Francia e Napoli in Italia rivendicano anche la sua città natale), il che probabilmente è il motivo per cui la bandiera della città è simile alla bandiera nazionale belga.

Cinquanta anni fa, quando ero ancora un ragazzino, visitando i miei nonni materni che hanno continuato a vivere a St Julian’s fino alla loro morte, la città era un villaggio di pescatori tranquillo e sereno. Pochi avrebbero pensato che questo sarebbe diventato la principale località per il turismo e le vacanze a Malta.

Forse, è stato a causa della suddivisione di St. Julian da cui è emersa Paceville che ha fatto diventare questa località il principale punto di riferimento per il turismo e gli abitanti del posto, che si riversano in questa parte dell’isola per il tempo libero.

Dopo tutto, il posto pullula di ristoranti di tutti i generi, i migliori hotel, club e bar, cinema, un centro bowling e uno dei più grandi complessi commerciali di Malta. Ha anche la sua spiaggia con la bandiera blu a St. George’s Bay, che viene pulita ogni giorno e circondata di luoghi dove bere e cenare.

Quindi forse St. Julian dovrebbe anche avere un altro titolo al suo nome: Julian il Preferito!

James Davis è il COO of Bay Street Group che gestisce be.HOTEL

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *